500 funzionari per la cultura

Pubblicato il concorsone sui funzionari nel MiBACT

Si prevedono tante domande (!)

Se vi saranno richieste, organizzerò corsi brevi di diritto dei beni culturali e organizzazione del MiBACT. Se interessati, inviate la vostra richiesta a silversinger1@tiscali.it

In bocca al lupo a tutti i partecipanti!

Forse non tutti sanno che…(1)

La collezione di ceramica del Museo Archeologico di Firenze è costituita da un consistente nucleo proveniente dalle antiche Gallerie e da acquisti e doni successivi alla creazione del Museo. Uno dei più importanti acquisti iniziali

Giampietro_Campana

Giovanni Pietro Campana

– tale da far assumere al museo fiorentino un livello europeo – fu quello di una piccola parte di una collezione romana del Marchese Giovanni Pietro Campana. Questa collezione privata, allestita in diversi edifici della Capitale, costituiva una tappa obbligata per studiosi e viaggiatori. In seguito all’arresto del proprietario nel 1857, accusato di frode ai danni del Monte di Pietà di cui era direttore, fu confiscata dal Governo Pontificio e venduta a vari musei stranieri .
(tratto da F. Nicosia. L’archeologo e il soprintendente. Scritti in memoria, Notiziari della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Toscana, supplemento 1 al n. 8/2012, p. 181)

FORSE NON TUTTI SANNO CHE…

Prende il via una rubrica dedicata a piccole curiosità giuridiche e non del settore dei beni culturali e del diritto d’autore. Una sorta di compendio di notizie dedicato al mondo giuridico della cultura per approfondire la sua conoscenza. La rubrica avrà natura occasionale e saltuaria; in ogni caso la bacheca è aperta a qualsiasi osservazione, domanda e/o approfondimento si voglia proporre.

Il bene culturale (pillole di diritto culturale)

Si parla tanto di beni culturali, ma forse è utile uno sguardo generale e semplice sul tema della loro definizione.  Di seguito la relazione sullo “stato dell’arte” in un mio intervento in un Corso di Studi tentuto ad Asuncion (Paraguay) nel 2009 (ancora attuale)

Inizio da una domanda, come faccio sempre quando affronto questo argomento, che nella sua semplicità resta pur sempre la madre di tutte le problematiche che stiamo affrontando.
Che cosa è un bene culturale?
Chiaramente la domanda è posta non dal punto di vista scientifico, ma giuridico.
Questa distinzione è molto importante perché ci fa capire subito uno dei problemi più forti, più sentiti di questo tema e cioè che è cosa diversa individuare un bene culturale dal punto di vista scientifico rispetto a quello giuridico.
Qualcuno di voi, con tutta probabilità, vedendo un bel quadro di un artista contemporaneo avrà pensato di trovarsi di fronte ad un bene culturale.
E probabilmente ha ragione.
Ma, se per caso, quel qualcuno è un giurista, prima di dire che quello è un bene culturale si domanderà : “La legge lo prevede?”

La domanda, banale forse, è esplicativa del compito principale che spetta al legislatore quando intende occuparsi di beni culturali: offrirne una definizione.
Devo essere chiaro: nessuna normativa è soddisfacente da questo punto di vista. Continua a leggere

PILLOLE DI DIRITTO CULTURALE

Prende il via una rubrica dedicata a quel settore giuridico che definisco “diritto culturale” e che si riferisce non solo al settore dei beni culturali, ma anche al diritto d’autore. La mia intenzione è di indicare brevemente i tratti tipici di alcuni istituti giuridici del settore culturale, rinviando ad eventuali approfondimenti. Si tratta, per farla breve, di un piccolo vademecum che può essere utilizzato da chiunque sia interessato all’argomento come spunto per eventuali approfondimenti. Il vademecum avrà natura occasionale e saltuaria; in ogni caso la bacheca è aperta a qualsiasi osservazione, domanda e/o approfondimento si voglia proporre.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 757 follower