Ancora due questioni sugli incentivi per la progettazione

Fermo restando il tenore della disposizione contenuta nell’ articolo 61 della legge 133/2008 , terrei a precisare due punti che ritengo importanti nell’ottica dell’applicazione di questa norma che ci fa piombare in un precipizio vorticoso di consulenze verso l’esterno a studi privati.

Il primo punto è che non si deve dare assolutamente credito alle balle che si sentono nelgi uffici sulla retroattività di tale disposizione. La retorattività in questo caso non c’è e cercate quindi di non farvi prendere in giro in proposito. La norma decorre a partire dal gennaio 2009: in questo senso il legislatore è stato chiaro nella norma. Di più, non vi è nessun elemento esplicativo nella norma con cui il Legislatore abbia fatto alcun cenno alla retroattività della stessa, quindi non è possibile neppure rifarsi a quanto stabilito dalla Corte costituzionale in materia, richiedendo pur sempre un riferimento esplicativo ben chiaro nella norma che introduce gli effetti retroattivi. Non scherziamo: fino a quando non interverranno terremoti ermeneutici è quasi superflo ricordare che costituisce principio generale del nostro ordinamento il divieto di retroattività della legge.

Il secondo punto, giusto per far chiarezza sulla responsabilità di chi ha creato questa norma, ponendo l’indice sui costi e quindi sui conseguenti risparmi di spesa. La disposizione di cui all’art. 61, comma 8 sembra applicabile esclusivamente alle amministrazioni dello Stato. In tal senso deve intendersi il riflesso della disposizione esclusivamente sul Bilancio dello Stato ed il contenuto del comma 17 della stessa disposizione. Quindi, nè regione, nè provincia ,nè comune vedranno ridotte le proprie percentuali fissate in base al comma 5 dell’articolo 92 del codice degli appalti. Ciò chiaramente in barba all’eguale trattamento d situazioni eguali ed al noto principio che nel nostro Paese esistono lavoratori di serie A e lavoratori di serie B secondo l’ente di appartenenza. E chiaramente chi lavora per lo Stato (ah, questa maiuscola difficile da togliere..) è il lavoratore di serie B..

meditate gente, meditate…

P.S. Sempre nell’ottica della tempestività dei nostri interventi normativi è di questi giorni la pubblicazione del Regolamento del Ministero della giustizia sulla ripartizione del 2%. Lo trovate in gazzetta ufficiale n. 210 del 8 settembre 2008 ed è il Decreto 9 luglio 2008, n. 139. Visto che il decreto è in vigore dal 23 settembre 2008, ricordate quello che ho scritto sulla retroattività della legge 133/2008 e quindi ricordatevi che fino al 31 dicembre 2008, per quei fortunati che hanno avuto il Ministero in grado di adottare il regolamento sulla ripartizione, dovete calcolare il 2% e non l’1,5 %.

Annunci

2 Risposte

  1. sono contenta che Brunetta abbia tolto gli incentivi alla progettazione ….. a questa massa di professionisti pubblici totalmente INCAPACI di quansiasi progettaziome, responsabilità, ecc….

  2. Bè…a quanto vedo tu sei INCAPACE anche a scrivere in Italiano…cara LUCIA

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: