Leggendo il testo di riforma del MIBACT : l’idiozia al potere (1)

Ormai, il mio punto di vista su questa riforma l’ho espresso in maniera chiara nel precedente intervento ” a caldo” su questo blog. Passo adesso, nel tempo che resterà fino all’adozione del DPCM, a proporre dei dubbi che mi vengono leggendo quello che è stato partorito dai collaboratori (?) del ministro on. Massimo Bray. Voglio iniziare da una questione che conosco – perchè la tratto quotidianamente – e mi chiedo e vi chiedo che cosa voglia dire “in soldoni” questo passaggio :

d) può adottare, ai sensi dell’articolo 14 del Codice, valutata l’istruttoria procedimentale, decisioni motivate difformi rispetto ai provvedimenti di dichiarazione dell’interesse culturale, di prescrizioni di tutela indiretta e di rinnovo delle notifiche e delle dichiarazioni, ai sensi, rispettivamente, degli articoli 13, 45, 128, comma 3, del Codice, entro trenta giorni dalla trasmissione telematica da parte delle Soprintendenze; in tal caso, il Soprintendente, ricevuta la decisione difforme, la comunica ai destinatari entro i termini massimi prescritti per i relativi procedimenti;

Siamo nel campo della tutela – quella che questo testo di riforma massacra, per intenderci -, sembrerebbe che le Soprintendenze debbano adottare le dichiarazioni di intersse culturale, le prescrizioni di tuela indiretta e il rinnovo di notifiche e dichiarazioni risalenti nel tempo. Bene, i soloni della riforma, sostengono che in questo modo si semplifica il procedimento amministrativo…Ah si? Ed è in nome della semplificazione dei procedimenti che la Soprintendenza deve inviare telematicamente al Direttore generale centrale di Roma la dichiarazione per ottenerne l’imprimatur entro 30 giorni dall’invio, pena l’adozione di decisioni motivate difformi???? Ma si rendono conto che cosa vuol dire ricevere da tutte le Soprintendenze di Italia le dichiarazioni telematicamente per vedere se magari un giorno un Direttore generale di Roma vuol decidere contrariamente? Che so, per fare un favore ad un amico? Perchè il Soprintendente impazzito adotta una dichiarazione di interesse al posto di una di assenza di interesse? Perchè , gira gira, ma il controllino finale Roma lo deve fare sempre???? Alla faccia della semplificazione e del buon andamento dell’Amministrazione…Renzi, facci la grazia! (continua)

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: